Spesso le onicotecniche si sentono dire la solita frase: perché il gel brucia?

Il bruciore non dipende solo dal prodotto ma anche da altri fattore che oggi esamineremo insieme.

Partiamo dicendo che il bruciore non è altro che la reazione chimica delle particelle che compongono il gel che si solidificano e si uniscono tra loro, perciò se sentite questo calore eccessivo potete stare tranquille, non c’è niente che sta andando storto. Ma vediamo insieme perché alcune lo avvertono di più e altre meno. Perché il gel brucia?

Bruciore gel

Unghie particolarmente deboli. Chi fa lavori manuali e magari utilizza prodotti chimici aggressivi, come le addette alle pulizie, le infermiere e le parrucchiere, ha le unghie più deboli. Questo fa si che il bruciore sia percepito maggiormente. In sintesi, più l’unghia naturale è sottile, più il gel brucia.

Limatura troppo aggressiva. Quanto l’estetista prepara l’unghia deve togliere con la lima, o nei casi più esperti con la fresa, lo strato superficiale di grasso per rendere l’unghia più porosa possibile al punto di far aderire bene il gel. Se l’unghia viene limata troppo diventa troppo sottile e quindi più sensibile al calore che il gel genera.

Soglia del dolore. Il bruciore non è sentito da tutte allo stesso modo, alcune non riescono proprio a sopportarlo, altre non lo percepiscono proprio. Questo dipende dalla soglia del dolore che noi tutti abbiamo.

Cambiamenti del tempo. Il gel è un agente chimico pertanto è sensibile ai cambiamenti del tempo. La sensazione di bruciore è percepita maggiormente durante i cambi di stagione e in estate piena quando il caldo è abbondante.

Troppo gel. Considerando che il bruciore dipende dalle particelle del gel che si solidificano, maggiore è la quantità di gel maggiore sarà il bruciore. Il consiglio è quello di mettere sempre uno

Perché il gel brucia?

strato sottile di gel e al massimo ripetere l’operazione.

Ciclo mestruale imminente. A ridosso del ciclo mestruale una donna è più sensibile al calore quindi il bruciore è sentito maggiormente.

Onicofagia. Se state facendo la ricostruzione delle unghie dopo aver sofferto per un lungo periodo di onicofagia sicuramente avvertirete la sensazione di bruciore maggiormente rispetto a chi non ne soffre. Le unghie sono molto fragili e sottili per cui sensibili alla reazione chimica.

Soluzione al bruciore del gel

Trattandosi di una conseguenza alla reazione chimica non possiamo dirvi che esiste una soluzione per non sentire più il bruciore ma possiamo fornirvi qualche consiglio per ridurre al minimo il fastidio:

depotenziare la lampada da 48w a 24w;

– far andare la mano della cliente dentro e fuori ogni 5-10 sec;

– far spingere i polpastrelli sul piano d’appoggio finché il dolore non è passato, poi far rientrare la mano subito il lampada.